Natale: Confesercenti Campania dona 1.500 ‘lasagne solidali’

24 Dicembre 2020


(ANSA) – NAPOLI, 24 DIC – Bilancio positivo oggi per la ‘Lasagna Solidale’, l’iniziativa organizzata da Confesercenti Campania, con il presidente Vincenzo Schiavo, in collaborazione con la Fiepet (Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici), e con l’aiuto della Comunità di Sant’Egidio della Campania e di “RetexNapoli” di Lorenzo Crea. Sono state consegnate 1500 lasagne ai poveri. si fa sapere in una nota, “per donare loro una Vigilia di Natale serena e piena di sorrisi, nel segno della solidarietà”. “Nonostante il momento di grande difficoltà – ha detto Schiavo – Confesercenti e Fiepet hanno voluto dimostrare di essere sempre e comunque al fianco di chi ne ha bisogno. Da due mesi, dopo il precedente lockdown, i nostri ristoranti sono chiusi e non sviluppano economie. Eppure le aziende del ‘food’ che rappresentiamo hanno aderito con entusiasmo, con il cuore, la stessa passione che muove le loro attività. E’ stata una corsa di beneficenza, per mostrare il volto più bello delle nostre imprese”. “Viviamo un anno molto particolare – ha affermato Francesca Sepe della Comunità di Sant’Egidio di Napoli -, è dall’inizio della pandemia che la comunità ha sostenuto anche i nuovi poveri causati da questo virus, perchè le difficoltà sono aumentate in questa città come in altre parti del mondo. Napoli ha avuto un grande privilegio, ovvero di avere una grandissima rete solidale che si è stretta intorno a noi. Stamane la presenza di Confesercenti ne è una chiara dimostrazione, è un grande esempio. Sosteniamo da marzo centinaia di famiglie in difficoltà, ogni giorno forniamo loro 1500 spese quotidiane”. Fondamentale, sottolinea la nota, “il sostegno della Fiepet (Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici)”. “Hanno provato a toglierci anche la dignità e il cuore – ha detto Vincenzo Politelli, presidente Fiepet Campania – e invece siamo qui perchè, pur vivendo un momento complicatissimo, sappiamo che c’è gente che soffre più di noi”.”La ristorazione è stata completamente azzerata, schiacchiata e calpestata come dignità da questa pandemia e dalle sue conseguenze. Però – ha affermato Antonio Viola, presidente Fiepet Napoli – appena c’è stata l’occasione abbiamo aderito con grande felicità a questa iniziativa”. (ANSA).

© Copyright 2021 Editoriale Libertà