Docenti precari non pagati a Piacenza

17 novembre 2012

Sono una docente non di ruolo alle scuole medie. Come ogni anno quelli come me, pur lavorando sin dall’inizio dell’anno scolastico, ricevono lo stipendio solo ogni due mesi se va bene. Quest’anno dall’inizio della scuola ad oggi io non ho visto neppure l’ombra di mezzo centesimo e la motivazione del ritardo indecente “pare” sia dovuta o causata dal fatto che le graduatorie sono fino all’aventi diritto. Mi spiego meglio. Alcuni docenti hanno fatto, presumo l’estate scorsa, dei ricorsi per inserirsi “ a pettine”; e aspettando che tutta la questione del loro inserimento sia risolta ( ma ho paura che se la prendono comoda, per così dire…) non si capisce bene perché noi che lavoriamo non dobbiamo essere pagati. Cosa accidenti c’entra l’inserimento di costoro con il nostro stipendio??? Noi lavoriamo e si dà il caso che dobbiamo anche vivere il quotidiano che reclama le spese, le bollette e via dicendo. Come fanno a dormire questi signori che si permettono il lusso di tenerci in ogni senso precari? Io vivo di stipendio, non faccio questo lavoro per hobby…e così gli altri che sono nella mia stessa situazione. In Italia i docenti sono maltrattati ( …reietti fra gli uomini…) e giudicati senza che gli altri conoscano bene tutti i problemi che affrontiamo ogni santo giorno. Non bastasse, non veniamo neppure retribuiti ogni mese e poi ,a scuola ma anche altrove, dobbiamo sorridere con tutti i denti a disposizione…ma non esiste! Come non esistono le motivazioni addotte e dalle scuole e dall’ufficio del Tesoro come giustificazione per il ritardo record dei pagamenti. Forse vogliono entrare nel guiness dei primati e mi sa che ci riusciranno pure di questo passo!!! Porteremo le bollette da pagare o alla scuola o in via San Bartolomeo…che dire…

Grazie per la vostra eventuale attenzione.

Cordiali Saluti
Marinella Cassarino

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Tu Cronista