Il Game Pass ruba la scena nello showcase di Xbox e Bethesda

Di Andrea Peroni 13 Giugno 2022

Vai alla pagina principale di Gaming

Tanti assenti, da Fable ad Avowed passando per Everwild, ma lo showcase di Xbox e Bethesda di domenica 12 giugno, in pieno Summer Game Fest, ribadisce ancora una volta che Microsoft vuole convincere sempre più giocatori a unirsi al suo fenomenale Xbox Game Pass.
Definito da molti come il “Netflix dei videogiochi”, il servizio in abbonamento mette a disposizione dei suoi iscritti una sconfinata libreria, con contenuti fruibili su varie piattaforme come le console Xbox, smartphone, tablet, PC, Steam Deck e, sorpresa sorpresa, anche le smart TV Samsung tra pochi giorni, che attraverso i servizi di cloud gaming potranno comodamente utilizzare la piattaforma attraverso un controller compatibile.
Sebbene Xbox Game Pass abbia già fatto tabula rasa dei suoi competitor, inefficaci, almeno fino ad oggi, di fronte al suo schiacciante strapotere, Microsoft non frena i sogni di gloria e anzi vuole convincere ancor di più il pubblico circa la bontà e l’utilità del servizio. Lo showcase di Xbox e Bethesda andato in scena nella serata di domenica è un’importantissima finestra sui prossimi dodici mesi del servizio made in Redmond, ricco di piccole chicche ma anche grosse produzioni e sorprese che sbarcheranno sin dal lancio all’interno del Game Pass andando ad arricchire il catalogo di produzioni già presenti.

L’apprezzatissimo Microsoft Flight Simulator, divenuto un vero e proprio fenomeno sul web, festeggerà ad esempio il quarantesimo anniversario della serie dei simulatori di volo con nuovi contenuti, tra cui anche una collaborazione con Halo Infinite. Forza Horizon 5, tra le massime espressioni dei videogiochi di corse attualmente esistenti, si espanderà poi dal 19 luglio accogliendo un’inedita collaborazione con Hot Wheels, mentre il piratesco Sea of Thieves amplierà i propri orizzonti arricchendo l’esperienza di uno dei giochi online più apprezzati e seguiti degli ultimi anni.
In mezzo alle conferme, ci sono anche alcune novità, tutte disponibili su Xbox Game Pass senza alcun sovrapprezzo dal momento della loro uscita. L’intrigante Redfall di Arkane Austin, ad esempio, apparso forse lontano dalle produzioni alle quali il team ha abituato con Prey e Deathloop ma con una sana dose di filosofia vicino a Borderlands, in cui una squadra di giocatori fa fronte a minacciosi vampiri. Durante la conferenza si è inoltre fatto rivedere Hollow Knight: Silksong, desaparecido da lungo tempo ma a quanto pare pronto al debutto nel corso del 2023, proprio come il survival a base di dinosauri Ark 2 che avrà nientemeno che Vin Diesel tra i suoi protagonisti.
Nel corso della conferenza, durata circa 90 minuti, è stato mostrato di tutto e di più. L’horror fantascientifico Scorn, le cui atmosfere sono ispirate a quelle dell’artista Premio Oscar H.R. Giger, colui che diede forma allo Xenomorfo di Alien, arriverà a ottobre dopo una lunga attesa, proprio come l’avventura dinamica A Plague Tale: Requiem, ambientata nel Medioevo all’epoca della terribile epidemia della peste nera. A proposito di ambientazioni medievali, c’è tanta curiosità anche intorno a Pentiment, particolare gioco bidimensionale di Obsidian Entertainment dalle reminiscenze pittoresche del XVI secolo.

Hanno suscitato inoltre interesse Minecraft Legends, nuovo spin-off del gioco più venduto della storia incentrato stavolta sulla strategia; The Last Case of Benedict Fox, gioco 2D di stampo investigativo dalle atmosfere sovrannaturali; Wo Long: Fallen Dynasty, che rappresenta il ritorno in pompa magna delle atmosfere nipponiche su Xbox come ha confermato lo stesso capo della divisione di Microsoft, Phil Spencer.
Proprio Spencer, in chiusura di conferenza, prepara il pubblico a due rivelazioni importanti. Dopo aver mostrato le prime sequenze di Forza Motorsport, simulatore di corse curato nei minimi dettagli in uscita nel 2023, Xbox svela infatti una partnership con il papà di Metal Gear Solid e Death Stranding, Hideo Kojima, per un gioco inedito che sfrutterà le potenzialità del cloud gaming. La chiusura di evento è poi dedicata interamente a Starfield, ambizioso RPG di Bethesda dagli autori di The Elder Scrolls che ci porterà in un cosmo sconfinato con oltre mille pianeti da visitare, pirati spaziali, creature aliene e molto altro ancora. Inutile dire che Starfield, in arrivo nel 2023 dopo un recente rinvio, sarà il fiore all’occhiello della line-up di Xbox.

Privo forse di reali sorprese di grosso calibro, lo showcase di Xbox e Bethesda è stata comunque l’ennesima dimostrazione del fatto che Microsoft intende offrire la miglior esperienza possibile ai consumatori di Xbox Game Pass, con tante variegate esperienze in arrivo nei prossimi mesi. Ce n’è davvero per tutti i gusti: platform, action, avventure, sparatutto, gestionali, sportivi. Ciò che serviva per titillare il palato di molti giocatori, sempre più convinti di avere tra le mani un servizio straordinario.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà