Recesio

Non è di Filippo Agnelli, ma di una donna vissuta nel 1700 il femore ritrovato nel Nure

17 aprile 2019

E’ umano e appartiene a una donna di circa 60 anni, vissuta però tra il 1700 e il 1800, il femore trovato nel gennaio scorso da due persone che passeggiavano con il cane nel greto del Nure, a Recesio.
La Procura ha ricevuto l’esito delle analisi effettuate da un istituto specializzato di Milano.
Escluso definitivamente, quindi, che possano essere i resti di Filippo Agnelli, una delle tre vittime della tremenda alluvione del 14 settembre 2015, quando la furia del fiume fece crollare la strada proprio a Recesio, con le acque che inghiottirono l’auto su cui viaggiava con il figlio Luigi. Con le stessa dinamica perse la vita anche la guardia giurata Luigi Albertelli. Il corpo di Filippo Agnelli, a differenza degli altri due, non fu mai trovato.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Val Nure

NOTIZIE CORRELATE