Crisi senza fine: sparite 800 imprese, 5 fallimenti al mese

14 Giugno 2013

Quasi ottocento imprese attive in meno, 25 fallimenti in 5 mesi, crollano le importazioni.

Sono i dati relativi ai primi 5 mesi del 2013 nella nostra provincia, resi noti dalla Camera di commercio in occasione della Giornata nazionale dell’economia che si celebra oggi.
Le imprese piacentine attive a fine maggio sono calate rispetto al mese di maggio del 2012 di 781 unità, attestandosi a 27.851. Quasi tutti i settori accusano un calo di consistenza, solo cinque restano in attivo: si tratta in tre casi di settori di nicchia (fornitura di energia, fornitura di acqua e gestione rifiuti, istruzione) e poi delle attività di alloggio e ristorazione (+1,5%) e di quelle immobiliari (+1%).
I cali maggiori sono invece ascrivibili alle costruzioni (-249 unità), al commercio (-190 unità), all’agricoltura (-174 unità) e al manifatturiero (-93 unità). Se poi si guarda al maggio 2011 le imprese scomparse sono un migliaio circa.
Le imprese registrate sono a loro volta scese a 30.932 unità e, al loro interno, sono aumentate società di capitali e altre forme giuridiche a scapito di società di persone e ditte individuali.

Le iscrizioni nei primi 5 mesi dell’anno sono state 807 ma le cessazioni hanno raggiunto quota 1.132.
I fallimenti dichiarati a Piacenza nei primi 5 mesi del 2013 sono 25, 9 nel commercio e 7 nelle attività manifatturiere, 3 nelle costruzioni ed i restanti in misura unitaria in altri settori di attività. Nello stesso periodo del 2012 il numero si era fermato a 13.

Per quanto invece riguarda l’import-export, i dati del primo trimestre-confrontati al primo trimestre 2012-segnalano una tenuta dell’export (+0,2%) a fronte di un calo dell’import di 4 punti percentuali.
Sorprende però constatare come la seconda voce del paniere dell’export piacentino sia diventato il settore dei prodotti tessili e dell’abbigliamento. E’ probabile che il risultato sia influenzato dalle attività del polo logistico.

LA FOTOGRAFIA DELL’ECONOMIA PIACENTINA – MAGGIO 2013

© Copyright 2021 Editoriale Libertà