Canone Rai, in città uno su quattro non paga. In montagna uno su due

08 Gennaio 2016

antenna tv

A Piacenza, una famiglia su quattro non paga il canone Rai. E l’alta Valtrebbia fa peggio: a Ottone, Coli e Marsaglia, è addirittura circa un cittadino su due a fingere di non avere la televisione per non pagare la tassa, che torna sui tavoli dei dibattiti ad ogni gennaio.

Quest’anno il tema si fa particolarmente caldo: sta montando, infatti, la protesta di chi sostiene di non vedere quasi mai i programmi Rai, soprattutto nella zona compresa tra Rivergaro e Travo, e i toni si accendono soprattutto perché dal primo gennaio il canone viene addebitato insieme al pagamento della bolletta dell’energia elettrica, in modo da evitare le evasioni. La buona volontà dei singoli utenti, insomma, non basta più e la Rai ha dato una stretta che non a tutti risulta gradita.

Ma dove sono gli evasori? Soprattutto nella nostra montagna, stando ai dati forniti dalla stessa Rai. I più virtuosi sono Caorso e Vigolzone, con percentuali di evasione al 17 per cento, ma nessun Comune è a livello “zero”.

I dettagli in edicola oggi con il quotidiano Libertà.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà