Aumentano le imprese straniere nel Piacentino. Perse oltre 340 aziende

21 Febbraio 2017

Il 2016 si è chiuso con un nuovo incremento del numero di imprese straniere registrate a Piacenza che hanno toccato quota 3.250, 95 in più dell’anno prima. La crescita complessiva è pari al 3%, più elevata rispetto all’anno precedente. I dati arrivano dalla Camera di Commercio.

L’incidenza delle imprese straniere sul totale è arrivata al 10,9%. Un dato più alto di quello medio nazionale (9,4%) ma, tra le province vicine, sia Lodi (11,7%) che Reggio Emilia (14%) presentano una rilevanza maggiore. Piacenza è ventunesima.

Nel panorama complessivo dell’imprenditoria piacentina le iscrizioni sono state 1.194, le cessazioni 1.535, con un saldo negativo per 341 unità. Le imprese straniere appartengono per il 52,1% al comparto artigiano con netta prevalenza di imprenditori albanesi, seguiti da marocchini e macedoni. Sono in crescita i titolari nati in Romania e in Cina.

In provincia i dieci comuni nei quali l’incidenza di imprese straniere è maggiore sono Piacenza, Sarmato. Borgonovo, Rottofreno, Fiorenzuola, Castel San Giovanni, Gragnano, Cortemaggiore, Caorso e Cadeo.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà