"E' la mia vita"

Medardo: “I miei primi 80 anni”. Storia di un barman che non passa mai di moda

8 dicembre 2018

Di lasciare lo scettro di guru dei cocktail non se ne parla proprio. Medardo Casella, a 80 anni appena compiuti, non smette di sognare: “Se dovessi vincere la lotteria ho già in mente il bar perfetto da realizzare, quello dei miei sogni”.

Medardo non lascerà mai il suo bancone – oggi quello del Blue Factory ma negli anni ha gestito diversi locali storici – con l’indiscussa eleganza di un barman d’altri tempi. Nato nel 1938, sposato con Mariuccia e padre di due figlie si definisce figlio d’arte; il padre Orazio era infatti il proprietario del ristorante Bar Bologna. E’ lì che Medardo ha mosso i primi passi, poi ha girato l’Europa per imparare i trucchi del mestiere. Rimasto orfano è tornato a Piacenza dove ha preso le redini del locale di famiglia iniziando la sua lunga carriera. L’INTERVISTA

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cultura e Spettacoli Piacenza