Medardo: “I miei primi 80 anni”. Storia di un barman che non passa mai di moda

08 Dicembre 2018

Di lasciare lo scettro di guru dei cocktail non se ne parla proprio. Medardo Casella, a 80 anni appena compiuti, non smette di sognare: “Se dovessi vincere la lotteria ho già in mente il bar perfetto da realizzare, quello dei miei sogni”.

Medardo non lascerà mai il suo bancone – oggi quello del Blue Factory ma negli anni ha gestito diversi locali storici – con l’indiscussa eleganza di un barman d’altri tempi. Nato nel 1938, sposato con Mariuccia e padre di due figlie si definisce figlio d’arte; il padre Orazio era infatti il proprietario del ristorante Bar Bologna. E’ lì che Medardo ha mosso i primi passi, poi ha girato l’Europa per imparare i trucchi del mestiere. Rimasto orfano è tornato a Piacenza dove ha preso le redini del locale di famiglia iniziando la sua lunga carriera. L’INTERVISTA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà