Ben sei statuette

David di Donatello: trionfo per Marco Bellocchio e il suo “Il traditore”

9 maggio 2020


Marco Bellocchio e il suo film “Il traditore” hanno recitato la parte del leone al premio David di Donatello che, nell’epoca del Covid, ha visto il presentatore Carlo Conti solo sul palco, collegato con tutti i nominati per ogni categoria, rispettando così il distanziamento sociale.

Proprio il “Traditore” ha trionfato come migliore film dell’anno. Un successo che l’opera di Bellocchio, vincitore del David di Donatello per la migliore regia, nel corso della serata ha preso corpo anche con la vittoria della sua squadra di sceneggiatori  (dal regista a Valia Santella, Francesco Piccolo e Ludovica Rampoldi) e suoi principali interpreti.

Il miglior attore è infatti Pierfrancesco Favino, diventato, nel film, un Tommaso Buscetta scosso da rimorsi, ricordi e tormenti. Il premio al non protagonista è andato a Luigi Lo Cascio che, nel film, interpreta il boss Totuccio Contorno.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cultura e Spettacoli Piacenza