Omosessualità, Arcigay: “Sul questionario reazione immotivata”

11 Marzo 2014

 

matrimoni-gay-1024x712

Continua a far discutere il questionario sull’omosessualità che il Comune di Piacenza ha inviato ai presidi degli istituti superiori per la distribuzione agli studenti delle classi quinte. Il documento rientra nell’ambito del progetto Ready volto a combattere l’omofobia. Ieri il consigliere comunale di Ncd Giovanni Botti, in consiglio aveva invitato i presidi a non divulgare il questionario.

“Lascia molto perplessi la reazione di disdegno di una certa parte del nostro consiglio comunale – scrivono in una lettera Arcigay L’atomo, Agedo e Famiglie arcobaleno – dal 2006 è attiva Re.a.dy, rete antidiscriminazione al quale il Comune di Piacenza ha aderito senza che ne siano seguite polemiche di alcun tipo. Ora però che questa rete è attiva si alzano gli scudi appigliandosi alla terminologia utilizzata in una domanda legata agli insulti molti dei quali meno offensivi di quelli che si possono leggere sui muri della città. La sensazione è che il questionario fa paura perchè in questa città nessuno ne ha mai voluto parlare”.

Leggi l’ intervento Arcigay

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà