Inquinamento

Fine settimana da incubo: PM10 oltre il doppio del massimo consentito

23 ottobre 2017

Sono stati tre giorni con valori di PM10 da camera a gas, venerdì, sabato e ieri, domenica 22 ottobre. La centralina di via Giordani ha registrato consecutivamente, nelle tre rilevazioni quotidiane, valori massimi di 107 μg/m3, facendo balzare a 14 i giorni di sforamento consecutivi, 54 da inizio anno.

Pessima qualità dell’aria anche al parco Montecucco (101 μg/m3 con 39 giorni di sforamento della soglia di 50 microgrammi al metro cubo) e a Lugagnano, dove il valore massimo ha toccato gli 89 μg/m3.

Ora le speranze sono riposte nelle correnti d’aria secca e pulita che ieri hanno spirato sul piacentino, frutto di una perturbazione che ha lambito l’area occidentale della Regione Emilia-Romagna,regalando una mattinata di cielo azzurro e una probabile tregua nella concentrazione di Pm10 che potrà essere confermata solo dai dati in arrivo domani.

“Non dobbiamo illuderci che la situazione possa volgere al meglio – ha spiegato Vittorio Marzio di MeteoValnure.it – perché già da domani e per tutta la settimana ritornerà un’area di alta pressione, con assenza di precipitazioni, calo della ventilazione e accumulo di foschie”.

Rimane in vigore, almeno fino a giovedì 26 ottobre compreso, la fase emergenziale di livello 2 che prevede tutte le limitazioni del livello 1 (tra le quali divieto di circolazione in città anche per i veicoli diesel Euro 4 dalle 8.30 alle 18.30) più il divieto di utilizzo di generatori di calore a biomassa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) con prestazioni energetiche ed emissive non in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 4 stelle.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE