Sabri ucciso da una coltellata: il fermato avrebbe confessato

15 Febbraio 2018

Avrebbe confessato l’omicidio di Sabri Chibani, il piacentino ucciso nei giorni scorsi a Londra, il 23enne fermato dalla polizia locale. Ronny Padilla, questo il nome fornito dalle autorità in un tweet , è stato interrogato ieri, 14 febbraio, e avrebbe confermato di aver colpito a morte il 19enne di Piacenza. Il movente del delitto resta da accertare mentre l’autopsia ha evidenziato la presenza di una sola coltellata al petto risultata però letale. Sabri era partito a novembre da Piacenza per raggiungere il fratello a Londra e trovare un lavoro dopo aver conseguito il diploma all’Istituto tecnico industriale Marconi. Sarebbe stato ucciso nella sua abitazione proprio a Londra nella periferia Nord intorno alle 15.50 dell’11 febbraio.

Una tragica notizia che ha scosso la nostra città e soprattutto la società calcistica della Spes Borgotrebbia: Sabri è stato per diversi anni un calciatore delle giovanili della formazione di Borgotrebbia ma ha militato anche nella formazione Juniores dell’Agazzanese, mentre tutta la sua famiglia, di origini tunisine, vive tutt’ora a Piacenza.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà