Verso il dopo Covid

Solidarietà congiunta, due ecotomografi donati all’ospedale di Piacenza

29 aprile 2020

Banca di Piacenza e Fondazione di Piacenza e Vigevano insieme per un intervento congiunto a favore della sanità piacentina. Si tratta, in particolare, dell’acquisto di due ecotomografi da destinare all’ospedale cittadino, per aggiornare il parco tecnologico del reparto di Pneumologia Interventistica. In particolare, dei due ecotomografi uno avrà configurazione da Rianimazione e l’altro per uso internistico e pronto soccorso. Si tratta di una strumentazione all’avanguardia che consentirà diagnosi sempre più precise e tempestive.

L’intervento è orientato a un’esigenza avanzata dalla sanità piacentina, in vista della riorganizzazione dell’ospedale prevista a conclusione di questo periodo di estrema emergenza. Fino ad ora, in queste settimane, le strutture sanitarie hanno dovuto mettere in campo un grandissimo impegno e sia la Banca di Piacenza che la Fondazione di Piacenza e Vigevano, impegnate tramite molteplici e differenti iniziative, hanno cercato di fornire il loro appoggio. Questo intervento ulteriore, frutto della collaborazione tra i due istituti, punta a rispondere alle necessità future del nosocomio piacentino, una sorta di “dopo Covid” che rappresenterà – si auspica il prima possibile – la “normalità” in termini di prestazioni sanitarie. Contribuire, con strumentazioni e dotazioni tecniche importanti, aiuterà tutto il comparto ospedaliero in generale e, di riflesso, l’intera comunità che potrà beneficiarne dopo che questa pandemia sarà finalmente sconfitta.

“Come sempre la Fondazione di Piacenza e Vigevano e la Banca di Piacenza hanno dimostrato la loro vicinanza alla comunità – afferma Luca Baldino, direttore generale dell’Azienda Usl di Piacenza -. La loro generosità ci aiuterà a superare i momenti davvero critici che i nostri professionisti hanno vissuto lavorato con abnegazione e competenza a favore dei malati affetti da Covid 19. La pressione delle scorse settimane ha logorato oltre misura le attrezzature sanitarie, attrezzature di cui ora abbiamo bisogno per poter riprendere quella “normalità” di presa in carico dei pazienti che tutti i piacentini si aspettano. Per questo a Fondazione e a Banca di Piacenza va il grazie più sentito della Direzione” .

“Le ultime settimane ci hanno mostrato una sanità drammaticamente alle prese con l’emergenza, impegnata in uno sforzo encomiabile da parte di tutti i suoi rappresentanti – sottolinea il presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano Massimo Toscani –. Abbiamo cercato di far sentire il nostro sostegno e, ora che la situazione sta migliorando, vogliamo continuare ad assicurare il nostro apporto pensando soprattutto al futuro”.

La Banca di Piacenza, in persona dei Consiglieri, dei Sindaci e della Direzione, nel partecipare alla donazione ha inteso ricordare il proprio Consigliere Segretario dott. Massimo Bergamaschi, recentemente scomparso.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE