Strutture per anziani, otto su dieci colpite dal virus. I decessi sono 152

30 Maggio 2020

L’81 percento delle case-residenza per anziani di Piacenza e provincia ha registrato infezioni da Coronavirus. Il doppio rispetto alla media regionale, che è del 42 per cento. E’ quanto emerge dal report di Regione Emilia-Romagna e Ausl dal titolo “Diffusione del contagio Covid-19 nelle strutture residenziali per anziani e disabili”, che fotografa i segni dell’epidemia in 32 strutture del nostro territorio fino alla metà di maggio.

DATI – Il 22 per cento degli ospiti complessivamente accolti è stato contagiato: 405 anziani su 1.882 posti letto, a fronte di una media regionale del 16 per cento. La percentuale piacentina del 22 percento segue solo quella di Reggio Emilia, che conta il maggior numero di ospiti contagiati in regione, pari a 1.147, il 35 percento del suo totale. I morti sono stati 152, ovvero il 29 percento degli ospiti contagiati nelle strutture. Chi è stato riconosciuto ufficialmente come “guarito” nelle case residenza per anziani e disabili risulta essere il 13,5 percento del totale dei contagiati, percentuale più bassa in regione dopo quella di Bologna (5 percento).

MAPPA DEI DECESSI – Il più alto numero di decessi di pazienti Covid è stato riscontrato alla casa protetta Villa Verde di Ancarano di Rivergaro (16), all’ex Albesani di Castelsangiovanni (13), al “Gasparini” di Pieve Dugliara (11), alla “Verani-Lucca” di Fiorenzuola (8), alla Due Miglia-Sereni Orizzonti di Piacenza (8), alla Sereni-Orizzonti Longobucco di Calendasco (8), alla “Dina Balderacchi” di Pontedellolio (7), alla Anguissola Scotti di Agazzano (6) e al “Maruffi” di Piacenza (6).

© Copyright 2021 Editoriale Libertà