Emergenza Covid

Potenziamento Terapia intensiva, al via la riqualificazione

2 ottobre 2020

Un cantiere è terminato e un altro si sta per aprire. Lavori in corso all’ospedale di Piacenza, che dopo aver subito la prima ondata di Covid, si prepara ad affrontare la stagione fredda con la possibile recrudescenza del virus dopo un’estate relativamente tranquilla.
Ieri, 1 ottobre, sono stati inaugurati i nuovi posti letto di Pneumologia e Medicina di area critica che in poche ore possono trasformarsi in reparti di Terapia intensiva in caso di necessità.

Al momento sono in corso lavori propedeutici per l’intervento di riqualificazione del reparto di Terapia intensiva nel terzo piano del blocco A. “Il nostro obiettivo – ha spiegato il direttore generale dell’Ausl Luca Baldino – è quello di avere a disposizione 55 posti di terapia intensiva negli ospedali piacentini, all’inizio dell’epidemia erano 15 ed erano state utilizzate le sale operatorie per creare posti letto aggiuntivi. Non vogliamo più bloccare l’attività delle sale operatorie. La nostra idea è quella di creare un sistema flessibile da utilizzare in caso di necessità, non vogliamo infrastrutture fisse che potrebbero non servire. Faremo lavori anche alla Cardiologia di Castel San Giovanni e alla Medicina di Fiorenzuola”.
Le modifiche strutturali creeranno quindi una situazione permanente ma flessibile: i locali potranno essere adibiti alle degenze ordinarie o a terapia intensiva qualora ulteriori ondate di pandemia lo rendessero necessario. I reparti saranno dunque dotati di ricambi d’aria e zone a pressione negativa.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE