Campane troppo rumorose: tre esposti ad Arpae in pochi mesi

30 Ottobre 2020

Battesimi, matrimoni, funerali e celebrazioni religiose in genere, vengono annunciati alla popolazione con il suono delle campane. Per gran parte dei cittadini è un’abitudine ormai consolidata mentre per qualcuno è un fastidio intollerabile. All’indirizzo di tre Comuni piacentini sono arrivate, sottoforma di   esposto, le lamentele di alcuni cittadini provocate proprio dal suono, eccessivamente rumoroso a loro avviso, delle campane. Un problema legato sia alla durata che all’intensità della musica diffusa dai campanili. I casi si sono verificati a Fiorenzuola, Pontenure e San Giorgio ma le rispettive amministrazioni non hanno avanzato ad Arpae la richiesta di procedere con le rilevazioni acustiche.

“L’unico parametro che potrebbe avere un senso è quel del livello di emissione differenziale che va a valutare il disturbo all’interno delle abitazioni ma non è applicabile in via amministrativa perchè rientra nella normativa tutto quel rumore che è provocato da un’esigenza di tipo produttivo, professionale o commerciale. L’attività di culto non rientra tra queste e quindi non è applicabile il differenziale – spiega Claudio Zanelli, responsabile Unità agenti fisici e rumore di Arpae Piacenza – .Resta quindi l’articolo 844 del Codice Civile relativo divieto di emissioni di odori, rumori, polveri sul fondo dei vicini o l’articolo 659 del Codice penale, ovvero disturbo alla quiete pubblica e ci si può rivolgere ai carabinieri o all’autorità giudiziaria. Sappiamo che esiste un regolamento diffuso dalla Cei (Conferenza episcopale italiana) in base alla quale viene indicato ai sacerdoti in che modo utilizzare le campane. In genere i casi vengono risolti con un accordo ma quando questo non succede e si arriva all’esposto all’autorità giudiziaria, noi dobbiamo intervenire per verificare se effettivamente il rumore è eccessivo”.

La notizia arriva a pochi giorni di distanza da un caso opposto: a Mezzano Scotti nel comune di Bobbio, i cittadini hanno richiesto di tornare ad avere il rintocco delle campane ogni ora e non ogni mezz’ora come disposto negli ultimi tempi.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà