Emergenza Coronavirus

Baldino: “Situazione delicata, ma non grave: non annullate gli interventi chirurgici”

4 novembre 2020

“Buongiorno, vorrei annullare il mio intervento chirurgico. Non mi fido a venire in ospedale”. Di queste telefonate, nei giorni scorsi, gli operatori dell’ospedale di Piacenza ne hanno ricevute parecchie. Ma il direttore generale dell’Ausl Luca Baldino frena il panico: “Rispetto a marzo, la situazione della pandemia da Covid è diversa. Oggi le strutture sanitarie sono sicure, i cittadini devono avere fiducia. Invitiamo, quindi, a non disdire le attività chirurgiche programmate. Non c’è un motivo valido per rinunciare alle operazioni pianificate”.

Il messaggio – dati alla mano – è chiaro: nel nostro territorio l’epidemia preoccupa, ma non troppo.  “A Piacenza l’incidenza dei positivi al Coronavirus è alta, certo – spiega Baldino – ma la quantità di pazienti ricoverati è bassa, a riprova della buona opera di prevenzione sul territorio. A livello locale un’altra ottima notizia è quella dell’età media dei contagi, che diminuisce parecchio tra gli anziani”. Il direttore generale dell’Ausl di Piacenza non si allarma nemmeno di fronte al quadro della terapia intensiva (al momento nove persone ricoverate, di cui sei nel nuovo reparto respiratorio Utir): “Nell’ultimo periodo i medici si sono trovati a gestire al massimo tre pazienti intubati e in media otto o nove col casco di ossigeno. In terapia intensiva la gravità della malattia da Covid è bassa, per nulla paragonabile a quella di marzo. In generale – aggiunge Baldino – anche gli asintomatici sono tornati a essere la quota più consistente, pari al 62 percento”.

DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA – Il direttore dell’Ausl ribadisce che “Piacenza paga la vicinanza con la Lombardia”. La distribuzione territoriale dei casi di Covid lo dimostra: “Il virus resta più concentrato nelle zone di pianura in prossimità del confine regionale”.

Niente panico, quindi. Ma Baldino invita a non abbassare la guardia: “Un gran numero di positivi e l’incremento dei ricoveri potrebbero causare anche l’aumento dei decessi. Bisogna continuare a combattere la pandemia con ogni mezzo possibile”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE