Coronavirus

Scoperto il “paziente zero” italiano grazie anche al piacentino Fellegara

12 gennaio 2021

Parla anche piacentino la ricerca che ha permesso di trovare il paziente zero italiano affetto da coronavirus, che presentava come unico sintomo una dermatosi a novembre 2019. Uno studio internazionale – coordinato da Raffaele Gianotti, ricercatore dell’Università Statale di Milano, con il supporto dei laboratori dell’Istituto Europeo di Oncologia e del Centro Diagnostico Italiano di cui il medico piacentino Giovanni Fellegara, 45 anni, è responsabile del Laboratorio di Anatomia Patologica – ha riesaminato le biopsie cutanee di dermatosi atipiche osservate nell’autunno 2019 riscontrando il virus SARS-CoV-2 in una giovane paziente di 25 anni. La donna, contattata successivamente, ha riferito della assenza di sintomi sistemici da infezione da Covid-19, la scomparsa delle lesioni cutanee dopo cinque mesi e la positività degli anticorpi nel sangue a giugno 2020.
Sulla base dei dati presenti in letteratura mondiale questo è il più antico riscontro della presenza del virus SARS-CoV-2 in un essere umano. Lo studio è stato pubblicato sul British Journal of Dermatology, la rivista più rinomata nel campo dermatologico.

SU LIBERTÀ L’INTERVISTA A CURA DI MARCO MOLINARI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE