Eventi al Farnese, salite in S. Francesco e Cattedrale e gallerie private aperte

01 Febbraio 2021

Con il passaggio in zona gialla, da oggi, 1 febbraio, i musei possono riaprire i battenti, ma solo dal lunedì e venerdì e con ingressi contingentati. L’arrivo di turisti è pure bloccato dal divieto di spostamento tra regione che resta in vigore. Al conto si aggiunge il rischio che, tra qualche settimana, si cambi di nuovo colore con restrizioni più severe. Alla luce di una quadro così incerto a Piacenza mostre e musei restano chiusi. L’assessore comunale alla cultura Jonathan Papamarenghi ha però valutato di adottare una soluzione diversa. I musei civici di Palazzo Farnese non riapriranno al pubblico perché sarebbe uno spreco di risorse: ben 65mila euro al mese, tra illuminazione riscaldamento e personale, ma verranno invece organizzati eventi ed iniziative per attirare i piacentini. “L’estate scorsa si è visto come la semplice apertura del palazzo- spiega – avesse attirato al massimo una quindicina di visitatori, mentre gli eventi sono stati più “affollati” (nel rispetto delle normative)”. Da metà febbraio partiranno quindi apertivi a tema e visite a gruppi su prenotazione. Il 10 aprile è confermata poi l’inaugurazione della Sezione Romana e da quella data in poi, pandemia permettendo, dovrebbe aprirsi una stagione proficua per Palazzo Farnese.

La Galleria d’arte Ricci Oddi resterà chiusa perché in questo periodo è oggetto di lavori di manutenzione e si attende la nomina di un direttore. Anche Lo spazio XNL non riapre: la mostra “La rivoluzione siamo noi” è stata smantellata nei giorni scorsi. La Diocesi invece terrà chiusi i musei ma riaprirà la salita in San Francesco il venerdì pomeriggio dalle 16 alle 19 con prenotazione obbligatoria all’indirizzo mail: [email protected] o telefonata a 349/5169093. Sempre su prenotazione verrà riaperta, da domani, la salita alla Cupola della Cattedrale. Sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 18. Per prenotazioni scrivere a [email protected] o chiamare 331/4606435.

Alcune gallerie d’arte piacentine private riaprono invece al pubblico, tra queste: Biffi Arte, Volumnia e Rosso Tiziano.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà