Da oggi tutta l’Emilia Romagna in Zona gialla: riaprono bar e ristoranti. Ma a Piacenza restano chiusi musei e mostre

01 Febbraio 2021

E’ scattata oggi la zona gialla per l’Emilia-Romagna e quindi anche per Piacenza. L’esito dell’analisi dei parametri, svolta venerdì dall’Iss che ha permesso l’uscita dall’area arancione verso quella con minori limitazioni, consente quindi la parziale riapertura di bar e ristoranti e la mobilità all’interno dell’intera regione.

BAR E RISTORANTI – Per quanto riguarda i pubblici esercizi è possibile consumare cibi e bevande all’interno dei bar, dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione, dalle 5.00 alle 18.00. Negli stessi orari è consentita senza restrizioni la vendita con asporto di cibi e bevande.

SPOSTAMENTI – In tema di spostamenti, dal 16 gennaio al 15 febbraio 2021, in area gialla, è consentito spostarsi tra le  5 e le 22 all’interno della propria Regione, nel rispetto delle specifiche restrizioni introdotte per gli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate. Dal 16 febbraio al 5 marzo gli spostamenti tornano invece ad essere consentiti da e per tutte le regioni in area gialla (salva l’eventuale sopravvenienza di nuove disposizioni limitative). L’autocertificazione serve solo dopo le 22.00 e fino alle 5.00 del mattino, quando ci si può spostare solo per motivi di lavoro, salute, urgenze.
Ci si può anche muovere per andare a trovare amici e parenti, in ambito regionale, spostandosi verso una sola abitazione privata abitata e una sola volta al giorno, “nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi”.

NEGOZI – I negozi sono aperti ma i centri commerciali lo sono solo durante i giorni feriali.

MOSTRE E MUSEI – Nonostante la possibilità di riapertura, a Piacenza restano chiusi musei e mostre.

IL DETTAGLIO DI COSA SI PUO’ FARE IN ZONA GIALLA

DAL 1° FEBBRAIO EMILIA-ROMAGNA IN FASCIA GIALLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà