Daniele Villa, da Rai2 a RDS: la scalata alla comicità del “battutista” di Carpaneto

14 Aprile 2021

Il suo account su Twitter ha oltre 70mila followers. Nickname: “Genio78”. Lo chiamano Genio “da quando sono caduto col triciclo da un tavolo”. Parola di Daniele Villa, carpanetese classe ’78, ferrarese adottivo per amore. Mestiere: “battutista”. Autore comico e satirico, operativo perlopiù dietro le quinte. Ma attraverso il suo nome d’arte sono in tanti a conoscerlo, senz’altro gli aficionado di PropagandaLive su La7.
Villa scrive con acume ma si è scoperto brillante anche davanti alla telecamera. Peccato che, almeno per ora, la prima avventura in tivù sia stata breve, perché il Covid ha impedito la seconda edizione di “Battute”, il format di Rai2 di Giovanni Benincasa condotto da Riccardo Rossi dove (in tandem con l’artista e amico piacentino Manuel Bongiorni) a fine 2019 Villa se l’era cavata alla grande, come autore e anche come protagonista, innescando una collaborazione con RDS per la striscia quotidiana di Giovanni Vernia e Petra Loreggian e arrivando a pubblicare il libro “La vita è come una partita a scacchi. Vincono i matti”.

Com’è la vita da autore comico?

“All’inizio scrivevo anche 20 battute al giorno, poi il cervello si abitua, ma va tenuto allenato. La mia fidanzata continua a dirmi “smettila”.

Per smettere c’è tempo, come ha cominciato?

“La vera palestra sono stati i dopo partita quando giocavo a calcetto. Quel che funzionava al tavolo tra una birra e un panino al Posada o al Tuxedo lo pubblicavo sui primissimi forum satirici online, da Luttazzi a Spinoza, finché ho aperto Twitter nel 2012”.

Modelli?

“Apprezzo Maccio Capatonda, Nino Frassica, il mio amico Valerio Lundini, la comicità nonsense. Speriamo facciano un programma ad hoc. Speriamo di farlo io, a questo punto!”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà