Andena: “Covid più lieve per i vaccinati. Ma se Delta corre, il virus imparerà ad attaccarli”

14 Luglio 2021

Per i vaccinati, oggi, c’è anzitutto una buona notizia: “Il contagio è più lieve, con sintomi deboli o assenti. Ma anche chi ha ricevuto la dose contro il Covid può trasmettere comunque l’infezione”. Attenzione dunque, perché “vaccinarsi è fondamentale per evitare una forma aggressiva della malattia, in particolare per i 14mila over 60 piacentini che ancora non hanno aderito”. Sullo sfondo – anzi, ormai in primo piano – c’è un fattore che rischia di scompigliare queste certezze: “Se la variante Delta continua a circolare velocemente, il virus imparerà ad attaccare in maniera grave anche le persone vaccinate“.
A tracciare questo quadro è la dottoressa Anna Maria Andena, responsabile del dipartimento di cure primarie dell’Ausl di Piacenza. I dati registrati la scorsa settimana delineano una situazione da tenere sotto controllo, sempre di più. “Il tasso di positività è in forte aumento, dal 5 all’11 luglio l’Ausl ha riscontrato 82 contagi, ben al di sopra dei nove casi di tre settimane fa. Se questo trend proseguirà, entro una decina di giorni Piacenza potrebbe tornare ad avere numeri da zona gialla”.

Ma i positivi in crescita corrispondono anche a quadri clinici preoccupanti? “Non sono molti – risponde Andena – ma due pazienti con forme severe di Covid, e non vaccinati, sono stati intercettati ieri dalle Usca. Bisogna contenere al massimo la variante Delta, proprio per evitare le ospedalizzazioni, altrimenti il sistema sanitario potrebbe essere messo duramente alla prova”. Peraltro in un periodo di ferie e straordinari da recuperare per la maggior parte degli operatori. La strada da seguire, quindi? “Vaccinarsi”, ripete Andena.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2021 Editoriale Libertà