Sposi a Prato Grande: la storia di Genni ed Emanuele, amore in quota

28 Luglio 2021

Un sì a 1.450 metri fa l’eco, è un sì in capo al mondo. Loro, Emanuele e Genni, vigile del fuoco lui, apicoltrice lei dai capelli rossi, si sono sposati a Prato Grande, al rifugio gestito da poche settimane da un gruppo di ventenni coraggiosi. E serve coraggio, oggi, anche e soprattutto per amarsi: ma in questa prateria d’altitudine volersi bene per i due trentenni non è mai sembrato tanto facile. “Questo è un posto che parla di noi, siamo noi, quando ho incontrato Genni non mi sono immaginato altrove”, dice Emanuele, di cognome Mazzocchi, piacentino che vive ora con la moglie a Vigolzone. “Qui, a Prato Grande, ho chiesto a Genni se voleva sposarmi… Era febbraio, c’era tantissima neve”. Genni quei luoghi li conosce anche meglio di lui: famiglia Birocci, è originaria di Gambaro, Ferriere, dove è vissuta fino ai diciotto anni e dove torna appena ha un secondo libero. “Emanuele non ha dovuto nemmeno propormi di sposarci qui, abbiamo avuto lo stesso pensiero”, dice la sposa.

IL SERVIZIO COMPLETO DI ELISA MALACALZA SU LIBERTÀ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà