Papilloma virus, casi in aumento. Attenzione anche all’ictus: 450 ricoveri all’anno

02 Ottobre 2021

Ictus e tumore del cavo orale sono stati i temi della penultima giornata di “Salute in piazza“, evento organizzato dall’Ausl. Sotto i portici di piazza Cavalli, screening gratuiti per il rischio ictus, un problema che riguarda soprattutto le persone anziane, ma da non sottovalutare a nessuna età, come ha detto Donata Guidetti, direttore della neurologia all’ospedale di Piacenza: “I killer più importanti sono la pressione alta e le aritmie cardiache, il sovrappeso e il diabete, poi i due fattori non rimediabili sono l’età avanzata e la familiarità”.

Una patologia che fortunatamente è in riduzione: “I ricoveri sono 450 all’anno, quindi una patologia rilevante, soprattutto i pazienti molto anziani vengono dalla provincia. L’altro fattore importante è l’alimentazione e il movimento, si dice ai pazienti di camminare almeno un’ora al giorno, che è indispensabile, e una corretta alimentazione con le nostre cose buone emiliane mangiate solo una volta ogni tanto, se no mangiare pesce, carne bianca, legumi, verdure e frutta”.

Controlli e consigli anche per il cavo orale, forniti da Aldo Oppici, responsabile dell’odontostomatologia: “La prevenzione è molto semplice, con un’ispezione degli specialisti, ma anche l’auto-ispezione, un controllo saltuario della propria bocca e della lingua, a quel punto rivolgersi alle persone competenti”. I danni al cavo orale sono purtroppo sempre più frequenti, a causa di una cattiva alimentazione e uno scorretto stile di vita: “Nell’ultimo anno e mezzo la pandemia ha aumentato le diagnosi perché le persone sono arrivate in ritardo. Abbiamo in media otto casi per 100mila abitanti all’anno e di due per le donne, sono casi in aumento soprattutto per quel che riguarda le infezioni da papilloma virus”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà