Calendasco, l’accoglienza prosegue: partiti due corsi di italiano per i profughi ucraini

22 Aprile 2022

Prosegue a Calendasco l’attività di accoglienza per i rifugiati in fuga dalla guerra in Ucraina: dopo un primo incontro a marzo con il Comune per comprendere le necessità delle persone appena arrivate, la scorsa settimana sono partiti due corsi di lingua italiana ai quali partecipano circa una ventina di profughi.

Le lezioni – che si tengono due volte alla settimana nella sala del consiglio comunale – sono promosse dal Comune in collaborazione con il Centro provinciale per l’Istruzione degli Adulti (Cpia). Un corso specifico è dedicato alle persone sorde: un gruppo di profughi non udenti, infatti, è attualmente ospitato all’ostello Tre Corone del paese e grazie all’Ente Nazionale Sordi (Ens) è stato possibile comunicare con loro. I corsi serviranno a rendere meno complicato il soggiorno forzato in Italia per queste famiglie. Sul sito internet del comune di Calendasco si trova altro materiale utile per la comunicazione tra italiani e ucraini: un prontuario multilingue “Sister-Hub” della Regione e una bacheca virtuale che utilizza i simboli della Comunicazione Aumentativa.
Intanto, i bambini ucraini e di Calendasco hanno potuto giocare assieme sabato mattina al parco giochi del capoluogo, dove si è anche rotto un grande uovo di Pasqua con cioccolato per tutti.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà