Un bando da 30mila euro per l’integrazione e l’inserimento scolastico dei minori ucraini

17 Maggio 2022

Sostenere l’integrazione e l’inserimento scolastico dei minori provenienti dall’Ucraina, di età compresa tra i 7 e i 15 anni, grazie a corsi di lingua italiana e attività ricreative. Con questo obiettivo la Fondazione di Piacenza e Vigevano e la Banca di Piacenza lanciano il bando “Aiuto ai profughi ucraini: corsi di lingua italiana e iniziative di inclusione sociale rivolte ai minori”.

L’iniziativa, a cui potranno concorrere progetti provenienti da realtà del terzo settore, istituti scolastici, associazioni ed enti senza scopo di lucro, cooperative sociali e imprese sociali, è stata presentata stamattina nel salone d’onore di Palazzo Rota Pisaroni: presenti Nicoletta Corvi, vicepresidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano e coordinatrice della commissione welfare, Elena Uber, membro del consiglio d’amministrazione della Fondazione di Piacenza e Vigevano e della commissione welfare, e il vice direttore generale della Banca di Piacenza Pietro Boselli.

“Questo è il primo passo che abbiamo pensato di compiere per aiutare persone arrivate sul nostro territorio a seguito di una situazione drammatica”, ha detto Uber. Come ha precisato Corvi, “il bando è necessario per cominciare a pensare al futuro di queste persone, non sappiamo per quanto tempo staranno qui per cui occorre prepararle al domani. Il nostro pensiero è dunque andato ai minori, vogliamo offrire loro strumenti necessari per avere una vita più serena nel nostro territorio. Attualmente ci hanno detto che i minori ufficialmente registrati sono 313, l’idea è di poterli sostenere utilizzando il tempo estivo e consentendo loro di avere due cose: la socialità, con attività di gioco, sport, laboratori che favoriscano l’incontro e l’amicizia con altri ragazzi, e poi lo strumento principale della lingua, fondamentale per l’inserimento scolastico e di dialogo con gli altri studenti”.

Banca di Piacenza, ha infine aggiunto Boselli, “ha aderito immediatamente per questo bellissimo progetto, che coinvolge giovani che usufruiranno di corsi di italiano per attività propedeutiche, pensiamo alle famiglie che abbandonano la propria patria e vengono qui, i ragazzi hanno bisogno di un aiuto per inserirsi in un contesto sociale e scolastico e in questo modo potranno farlo”.

Le proposte potranno essere presentate entro le ore 18 del 6 giugno 2022 sul sito www.lafondazione.com, per informazioni si può contattare la Fondazione di Piacenza e Vigevano a [email protected] o al numero 0523/311111.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà