Incendi, fino al 28 agosto anche Piacenza in “grave pericolosità”: i divieti

08 Luglio 2022

Foto d’archivio

Attivata la fase di preallarme per il rischio di incendi boschivi anche nel Piacentino. La misura, in vigore fino al 28 agosto in tutto il territorio regionale, prevede il divieto di combustione di residui vegetali agricoli e forestali. Chi viola le prescrizioni o adotta comportamenti pericolosi può subire sanzioni fino a 10.000 euro. Sotto il profilo penale, è prevista la reclusione da 4 a 10 anni, se l’incendio è doloso (provocato volontariamente); ma anche se l’atto è solo colposo (causato in maniera involontaria), per negligenza, imprudenza o imperizia, si può essere condannati a risarcire i danni. Va ricordato che nei territori percorsi dal fuoco, nei successivi dieci anni sono vietate le attività agricole, la caccia e la pastorizia.

A motivare questa decisione “è l’evidente aggravamento di una situazione già critica – spiega l’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile – esito di un bilancio idrico assai negativo, dopo un lungo periodo caratterizzato da scarsità di piogge e di neve, e da temperature superiori alle medie stagionali, sia in pianura che in quota”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà