Scioperi nella logistica, più di 100 i lavoratori indagati nell’ambito dell’inchiesta

24 Luglio 2022

Sono più di cento i lavoratori indagati nell’ambito dell’inchiesta della procura che martedì ha portato all’applicazione di misure cautelari nei confronti di otto dirigenti delle sigle del sindacalismo di base in lotta contro i colossi della logistica con sedi nel Piacentino. Per SiCobas sono finiti ai domiciliari Ali Mohamed Arafat, Aldo Milani, Carlo Pallavicini e Bruno Scagnelli, mentre per Usb gli arresti in casa sono stati disposti per Roberto Montanari e Issa Abed, a cui si aggiungono l’obbligo di firma per Fisal Elderdah e il divieto di dimora a Piacenza per Riadh Zaghdane.

Ma al loro fianco durante picchetti e scioperi c’erano centinaia di iscritti. Per nessuno di loro sono state chieste misure cautelari e, come sottolineato nella conferenza stampa della procuratrice Grazia Pradella, vengono considerati vittime di strumentalizzazione dei loro leader.

I DETTAGLI SU LIBERTA’ NELL’ARTICOLO DI PAOLO MARINO

© Copyright 2022 Editoriale Libertà