Stress post-Covid, boom di infarti anche tra i giovani: “A Piacenza 870 in sette mesi”

21 Settembre 2022

Anche il cuore giovane può cedere. E i tempi che stiamo vivendo non l’aiutano. Lo stress post-Covid e la poca attenzione ai fattori di rischio stanno presentando il conto. Con la dottoressa Maria Sole Pisati, responsabile del reparto di cardiologia dell’ospedale di Piacenza, abbiamo analizzato un primo dato numerico che balza agli occhi riferito ai presidi ospedalieri di Piacenza, Fiorenzuola e Castel San Giovanni. E si tratta dell’incremento di casi di infarto in tutte le fasce di età, dai 30 anni sino ai 70 anni e oltre. Colpiti anche i giovani.

Nei primi sette mesi – da gennaio a luglio – di quest’anno si contano 870 accessi per infarto miocardico acuto nei reparti in provincia di Piacenza. Tanti sono i pazienti presi in cura, ma nei due anni pandemici, il 2020 e il 2021 la media si aggirava sui 400 infartuati e i dati attuali, in particolare, sono più elevati in sette mesi di tutto l’anno 2021. C’è anche chi nutre il sospetto che vi sia una relazione tra vaccini, infezioni da Covid e la probabilità di una miocardite.

La dottoressa Maria Sole Pisati

L’ARTICOLO COMPLETO DI PATRIZIA SOFFIENTINI IN EDICOLA SU LIBERTA’

© Copyright 2022 Editoriale Libertà