Avanza il cantiere nell’ex cinema Iris: “Pronto nel 2024”. Ecco i nuovi rendering

25 Gennaio 2023

C’è un frammento di passato con le inconfondibili colonne nel salone d’ingresso e le vetrine affacciate sul Corso. C’è il disegno del futuro con i nuovi rendering che mostrano gli spazi riconvertiti in appartamenti lussuosi, locali di vendita e terrazzi pensili. Prosegue a pieno ritmo uno dei cantieri che più incuriosisce la cittadinanza, quello sulle ceneri dell’ex cinema Iris ai civici dal 41 al 47 di corso Vittorio Emanuele, in centro storico a Piacenza. Il vecchio multisala, aperto dagli anni Venti del ‘900, diventerà una struttura mista residenziale-commerciale. In questi giorni la nuova proprietà dell’immobile – l’impresa Buia Nereo di Parma – ha commissionato la realizzazione di proiezioni grafiche aggiornate che svelano l’imminente trasformazione del fabbricato. “I lavori termineranno nella metà del 2024”, fanno sapere i responsabili dello studio “Scognamiglio Solenghi Architetti” e Marco Calegari, consulente immobiliare per la porzione residenziale.

Il cantiere avanza dopo una fase di stop per circa un anno: la pandemia da Covid e il ritrovamento di reperti archeologici (tra cui un grande “dolium” di epoca romana, cioè un enorme contenitore in terracotta) hanno contribuito al rallentamento dell’opera. Ma adesso, dunque, si procede. Lo scorso giugno, al termine di un lungo negoziato, Hera holding Real Estate di Milano – acquirente dell’edificio nel 2017 dalla famiglia Leonardi che aveva deciso di chiudere il cinema Iris – ha venduto appunto alla Buia Nereo di Parma. Il progetto rimane uguale agli accordi iniziali: quattro piani in cui insediare attività commerciali (un’unica unità di vendita di 1.300 metri quadrati distribuiti tra piano terra e primo piano, collegati da scala mobile e ascensori) e nove appartamenti di pregio (forse uno o due in meno in base a successive variazioni). Sul nome del futuro negozio resta un punto interrogativo: “Le trattative sono in corso”, è la risposta degli addetti ai lavori.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2023 Editoriale Libertà