Meta prova l’intelligenza artificiale contro le fake news, ma non in Facebook

06 Agosto 2022

Meta, la società madre di Facebook, testa Sphere, uno strumento basato sull’Intelligenza Artificiale che verifica i contenuti sul web e le potenziali fake news.
Il team di ricerca di Sphere  attualmente si basa su 134 milioni di pagine web pubbliche, essendo uno strumento aperto, open source, può costituire una base per i modelli di formazione di Intelligenza artificiale.
“Il nostro prossimo passo è formare modelli per valutare la qualità dei documenti, rilevare potenziali contraddizioni, dare priorità a fonti più affidabili”, ha osservato Meta, che al momento non sta usando questo modello per le sue piattaforme come Facebook, Instagram e Messenger, in passato al centro di polemiche proprio per la diffusione di fake news e contenuti inesatti.
L’obiettivo iniziale di Sphere è creare una piattaforma che aiuti gli editori di Wikipedia a verificare automaticamente centinaia di migliaia di citazioni contemporaneamente, ed eventualmente correggere rapidamente un contenuto. Anche se – viene specificato – “la Wikimedia Foundation e Meta non stanno collaborando a questo progetto che è ancora in fase di ricerca e non viene utilizzato per aggiornare automaticamente alcun contenuto su Wikipedia”.

[email protected]

© Copyright 2022 Editoriale Libertà