Lupa Piacenza-Lpr: affare fatto. Stefano Gatti: “Vogliamo la serie B”

30 Maggio 2013

Si parla addirittura di serie B. Stefano Gatti lo dice a chiare lettere nel corso della conferenza stampa di ufficializzazione dell’accordo tra Piacenza Calcio e Lpr: “Questa partnership rappresenta un passo fondamentale – ha detto il presidente onorario – affinché la squadra possa tornare nelle categorie che le competono. Sì, credo che con la famiglia Arici a sostegno, parlare di serie B nel giro di pochissimi anni, non sia affatto eresia”.
Non c’è Luciano Arici, patron dell’azienda di Rottofreno, bensì i due figli, Alberto e Stefano: “L’amicizia che ci lega alla famiglia Gatti – ha detto Stefano Arici – ci ha spinto a tornare nel mondo del calcio. Un ingresso diretto in società? No, preferiamo sostenere esternamente la realtà biancorossa”. Dunque, il prossimo anno, sulle magliette del Piacenza campeggerà il marchio dell’azienda leader nella produzione di componenti per impianti frenanti.
Nel corso della conferenza stampa si è parlato anche di azionariato popolare; Marco Scianò, responsabile della comunicazione e maketing della società ha parlato di “progetto pilota che la Lega seguendo con interesse – ha detto il giovane dirigente -. I riscontri, fino a questo momento, sono stati buoni: anche le associazioni di categoria hanno risposto alla proposta di sottoscrizione”.
Per finire il mercato: pure di quello si è parlato ieri in Lpr. Se William Viali non ha voluto rilasciare dichiarazione, nessuna novità dai fratelli Gatti sul fronte acquisti-cessioni. Soltanto le consuete, infinite voci. Quelle dell’ultim’ora vogliono la dirigenza sulle piste dell’attaccante della Massese, Marino Taddeucci (24 gol nell’ultima stagione).

© Copyright 2021 Editoriale Libertà