Piacenza

Pro, ecco i buoni propositi di Viali per il 2016. A Bolzano con sei assenti

18 dicembre 2015

Pro Piacenza, William Viali (2)

Lontano dal Garilli e dunque con maggiori chance di centrare i tre punti. Paradossale, ma il Pro Piacenza targato Viali è ormai macchina da trasferta e, dopo quindici turni privi di successi interni, sabato a Bolzano affronta l’ultima fatica di un anno solare da incorniciare. Chiuderlo con un risultato positivo al cospetto dell’Alto Adige di Giovanni Stroppa significherebbe apporre il suggello e soprattutto ottenere punti fondamentali per mantenere a distanza il gruppetto delle pericolanti.

Sarà una sfida molto dura, al cospetto di una squadra guidata da un allenatore di prima fascia – ha detto poco prima della partenza mister William Viali -: ci arriviamo nel momento peggiore, con sei giocatori non convocabili per infortunio”.

Il clima festaiolo di questi giorni rischia infatti di essere offuscato dalle pessime notizie provenienti dall’infermeria: Annarumma, Aspas, Rieti, Ruffini, Sall e Cristofoli out per la trasferta altoatesina, oltre alle chiacchiere riguardanti un possibile addio del centravanti.

“Saranno voci che ci accompagneranno fino a fine gennaio alla chiusura del mercato” ha detto ancora Viali.

Le voci di mercato parlano dei possibili arrivi di Cardin per la difesa (molto vicino), di Marchi o Speziale per l’attacco. Tutte possibile distrazioni in vista dell’impegno bolzanino. Discorsi prematuri come dice Viali, anche alla luce di un obiettivo tutt’altro che raggiunto ma per il quale il Pro sta viaggiando ad un ritmo che riflette le aspettative della vigilia. E siccome a fine anno è sempre tempo di buoni propositi, ecco quello di William Viali.

“Soltanto di lavorare per il bene del Pro – conclude il tecnico -; la vittoria al Garilli? Non importa, basta conquistare i punti necessari per la salvezza”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Piacenza Sport Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE