Titolare presenta ricorso

Gioco d’azzardo, 9 milioni di euro di giocate: attività sospese a Rottofreno

11 gennaio 2019

Il gioco d’azzardo sul territorio comunale di Rottofreno ha raggiunto giocate per oltre 9 milioni di euro in un anno. Numeri che fanno rabbrividire e che hanno portato l’amministrazione ad applicare la D.G.R. n. 831 del 12 giugno 2017 per il contrasto del fenomeno.

“Nello specifico è stata individuata ed approvata la mappatura dei luoghi sensibili – ha spiegato il sindaco Raffaele Veneziani – successivamente si è provveduto a comunicare ai titolari di pubblici esercizi con apparecchi da gioco d’azzardo, situati in posizione di incompatibilità, il divieto di installazione di nuovi apparecchi e del rinnovo dei contratti in essere. Due attività presenti sul territorio hanno dovuto adeguarsi alla legge. Una sala scommesse e di gioco ha rimosso tutte le apparecchiature mentre un’altra ha dovuto sospendere l’attività. Quest’ultima ha presentato ricorso al Tar di Parma contro l’ordinanza.

“Siamo preoccupati – ha aggiunto il primo cittadino – per l’esito dei ricorsi pendenti. Auspico quindi che, ferma la volontà del sottoscritto e degli amministratori di limitare questa piaga sociale, gli eventuali effetti negativi vedano la Regione Emilia Romagna quale garante dei danni che i Comuni dovessero subire per avere tempestivamente e fedelmente applicato la normativa”.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE