Un nuovo bus per lo spazio

Serve un nuovo bus per la Luna. Lo sta cercando la Nasa per sostituire il mitico Astrovan Airstream, il camper modificato utilizzato dal 1983 al luglio 2011 per trasportare gli astronauti alla rampa di lancio. Il mezzo di trasporto che serve alla Nasa si chiama formalmente “Artemis crew transportation vehicle” e servirà ora ad accompagnare alla rampa l’equipaggio che tornerà sulla Luna entro il 2024. Il suo compito sarà portare gli astronauti dai locali di preparazione nel “Neil Armstrong operations and check-out building” fino alla rampa di lancio del Kennedy Space Center.
Il nuovo veicolo dovrà essere consegnato entro giugno 2023 e dovrà rispettare alcuni requisiti fondamentali. Sono infatti tante le richieste fatte dalla Nasa per individuare il mezzo più adatto. Il bus potrà essere un prototipo speciale o un motor home disponibile in commercio ma modificato. La Nasa prende anche in considerazione la ristrutturazione del vecchio Astrovan finora usato.

Innanzitutto dovrà avere una motorizzazione a emissioni zero. All’interno dovrà avere almeno otto posti a sedere, inclusi quattro posti per gli astronauti e l’autista e uno spazio adeguato per i bagagli e l’abbigliamento dell’equipaggio. Le porte di accesso al van dovranno essere di misura maggiorata per far comodamente salire e scendere gli astronauti già bardati con le tute (circa 90 cm). E, per eventuali emergenze, gli accessi dovranno essere almeno due. Infine, all’esterno, il veicolo dovrà essere personalizzato con i loghi e le insegne dell’equipaggio Artemis destinato alla Luna.

Negli anni sono state diverse le versioni che si sono succedute per trasportare gli astronauti. Il primo fu un camper Clark-Cortez modificato che fu usato per gli equipaggi dell’era Apollo. Poi fu il turno di un Suncruiser Itasca M-22RB, quindi di un camper Airstream Excella del 1983 modificato (il vero e proprio “Astrovan”). Nell’ottobre 2019, infine, Boeing e Airstream hanno annunciato l’Astrovan II, un pullman da turismo Airstream Atlas modificato su telaio Mercedes-Benz Sprinter per trasportare gli astronauti dell’equipaggio commerciale Boeing destinati alla Stazione spaziale Internazionale.
Ora un nuovo capitolo. La ricerca del nuovo bus è già partita ufficialmente con un annuncio su Sam.gov, il sito ufficiale del governo degli Stati Unit (Sam è l’acronimo di System for Award Management).

 

Pillole di benzina
* La compagnia aerea statunitense Delta Air Lines ha lanciato un’iniziativa per avviare la condivisione dei nomi dei passeggeri indisciplinati tra le varie società di trasporto. L’obiettivo è quello di impedire a queste persone di salire a bordo degli aerei. A oggi sarebbero almeno 1.600 le persone inserite nella lista nera del vettore americano.

* La Porsche Italia e i Centri Porsche dal 1° ottobre offrono un incentivo ai proprietari di auto di qualsiasi marca e modello con motore a combustione e classe di emissioni compresa tra euro1 ed euro4, per l’acquisto di una nuova Porsche Taycan, con contestuale rottamazione della vecchia auto. Il vantaggio per il cliente è di 10.000 euro Iva compresa. L’iniziativa è valida fino al 20 dicembre 2021.

* Dagli scarti del caffè nasce una similpelle vegana per i sedili e gli interni delle auto. Volkswagen Group Innovation sta infatti lavorando alla prossima generazione di materiali per gli interni dei veicoli. Tra questi c’è la similpelle realizzata utilizzando il silverskin, cioè una pellicola che si stacca dal chicco di caffè durante la tostatura.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà