Ristoratori e baristi contro la Tares: “Si paghino solo i rifiuti prodotti”

12 Febbraio 2013

20130212-155622.jpg

Dal prossimo luglio la bolletta dei rifiuti sarà calcolata secondo i parametri stabiliti dalla Tares, un passaggio che preoccupa non poco i ristoratori e i baristi piacentini riuniti all’Unione commercianti. “Non conosciamo ancora bene i nuovi parametri – ha detto Christian Lertora, presidente provinciale della Fipe – ma stando a quanto si ipotizza molti esercenti potrebbero avere un rincaro anche del 3-400%. La riteniamo l’ennesima penalizzazione ingiusta nei confronti di un settore pesantemente colpito dalla crisi, la nostra proposta è molto semplice: si paghino solamente i rifiuti che vengono prodotti e non cifre presunte basate su calcoli che nessuno condivide”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà