Piacenza

Patto di stabilità: sbloccati 2 milioni euro per la provincia di Piacenza

22 aprile 2013

Quasi 27 milioni di euro di potenzialità di spesa con cui, ora, Comuni e Province dell’Emilia-Romagna potranno pagare i fornitori e mettere così in circolo risorse preziose per l’economia. Grazie alla legge regionale sul patto di stabilità voluta nel 2010, la Giunta regionale ha potuto approvare il primo riparto 2013 di potenzialità di spesa per “allentare” gli effetti dei vincoli nazionali del patto di stabilità su Comuni e Province dell’Emilia-Romagna.

“I fondi erogati serviranno a dare ossigeno alle casse degli Enti locali e a pagare i fornitori”, spiega Simonetta Saliera, vicepresidente e assessore al Bilancio della Regione Emilia-Romagna che ricorda come “a fine maggio si procederà al riparto di altri 62 milioni di euro di spesa in base alle esigenze richieste da Comuni e Province”. Quindi, già solo nella prima metà dell’anno, saranno quasi 90 i milioni di euro di potenzialità di spesa destinati agli Enti locali mentre ulteriori fondi saranno resi disponibili anche dopo l’estate.

“In un momento difficile come quello che stiamo vivendo – sottolinea ancora Saliera – è importante che gli Enti locali possano spendere le risorse che hanno in cassa per pagare fornitori e fare investimenti in modo da sostenere le imprese e il lavoro. In quest’ottica, l’Emilia-Romagna ha approvato una sua legge regionale sul Patto di stabilità che ha permesso di tenere sul territorio e sbloccare già 300 milioni di euro nel solo 2010-2012, risorse che altrimenti sarebbero state risucchiate dal debito pubblico nazionale”.

I fondi sbloccati nel nostro territorio sono 2.287.158 euro a beneficio del comune cittadino (279.000 euro), della provincia e di Borgonovo, Cadeo, Carpaneto, Fiorenzuola, Gossolengo, Podenzano, Pontenure, Rottofreno, San Giorgio. “I fondi erogati serviranno a dare ossigeno alle casse degli Enti locali e a pagare i fornitori”, spiega Simonetta Saliera, vicepresidente e assessore al Bilancio della Regione Emilia-Romagna che ricorda come “a fine maggio si procederà al riparto di altri 62 milioni di euro di spesa in base alle esigenze richieste da Comuni e Province”. Nel piacentino, cresce l’attesa di risorse da parte dei territori colpiti dalle frane, soprattutto quelli con meno di 5.000 abitanti, che sperano nello sblocco al più presto. Ma anche chi non ha fatto direttamente i conti con i danni del maltempo ha le mani legate dal patto di stabilità. A Caorso è fermo il rifacimento del centro sportivo e diverse opere di asfaltatura, come spiega il sindaco Fabio Callori.

Ecco la tabella dei fondi sbloccati per i comuni del territorio piacentino:

© Copyright 2021 Editoriale Libertà

categorie: Economia e Politica Piacenza Provincia Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE