Mannaia sul comune: 600 mila euro di risparmi dalla spending review

22 Luglio 2014

20140722-184003.jpg

Non c’è solo il super commissario Cottarelli a dar corso all’ormai famigerata spending review a livello centrale, ma anche il comune di Piacenza ha dato avvio ad una consistente sforbiciata ai capitoli di spesa che, stando a quanto illustrato dall’assessore al bilancio Luigi Gazzola oggi, ha consentito per il solo 2013, risparmi per 600 mila euro.

La dismissione di palazzo Olivetti e il conseguente distacco delle utenze, la mannaia abbattutasi sulle spese telefoniche passate dai 580 mila euro del 2010 ai 310 mila euro del 2013 sono solo alcuni degli interventi di razionalizzazione che hanno prodotti effetti benefici sulle sempre più asfittiche casse comunali.

“Si tratta di risparmi strutturali che si ripercuoteranno anche sugli esercizi futuri” ha detto lo stesso assessore ai microfoni di Telelibertà – “e che derivano anche da un forte contrasto alla burocrazia: risultato, meno spese e soprattutto migliori servizi per i cittadini”.

Il risparmio più consistente giunge peró dalla gestione del verde pubblico e del canile municipale: i nuovi contratti sottoscritti hanno consentito un alleggerimento dei costi per oltre 320 mila euro.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà