Deportato in guerra, il 92enne “Pino” si commuove per la medaglia in ospedale

28 Aprile 2016

pino

Durante la seconda guerra mondiale, fu costretto a svolgere i lavori forzati per due anni vicino a Dusseldorf come “militare italiano internato” .
Giuseppe Ferrari, conosciuto come Pino, oggi ha ricevuto una medaglia dal sindaco di Ferriere Giovanni Malchiodi all’ospedale di Piacenza, dove l’anziano di 92 anni é ricoverato. È stato proprio grazie all’interessamento del personale ospedaliero e del professor Luigi Cavanna che Ferrari ha potuto ricevere il riconoscimento che non aveva ritirato lo scorso 25 aprile, nella cerimonia della Festa della Liberazione in piazza. La consegna di oggi ha commosso molto il 92enne, circondato da medici ed infermieri e da alcuni parenti. “Quello che ho passato non lo auguro a nessuno, ho visto morire amici. In tutti questi anni sono sempre andato in piazza per le commemorazioni, ma questa volta non potevo a causa della degenza. Non trovo le parole per ringraziare medici e infermieri che hanno organizzato questa sorpresa”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà