Caritas, 43mila pasti nel 2015: “Casi sempre più complessi”

19 Maggio 2016

20160519-103843.jpg

Sono 1.472 le persone seguite dai centri ascolto della Caritas diocesana nel 2015, un numero in leggero calo rispetto al 2014, quando erano state accolte 1.555 persone. “I casi che trattiamo sono molto più complessi, sono aumentati i colloqui e questo fa diminuire il numero complessivo degli utenti” commenta il direttore Giuseppe Chiodaroli ai microfoni di Telelibertà. Oggi sono stati forniti i dati dell’attività del 2015. Tra i richiedenti dei servizi prevalgono gli uomini, al 57% e le persone straniere, che sono 984 rispetto ai 488 italiani. Tra gli stranieri calano rispetto al passato le persone non in regola con il permesso di soggiorno. La fascia d’età più rappresentata è quella degli under 35. Monitorati anche i senza fissa dimora: 342 nel 2015, in leggero calo rispetto al 2014.
Se da un lato ci sono meno utenti, dall’altro sono aumentati i servizi: sono quasi 43mila i pasti erogati, 5mila in più del 2014.
La Caritas lancia per la giornata di sabato 21 maggio la raccolta di generi di prima necessità in molti supermercati di Piacenza e provincia: l’iniziativa denominata “Da dono nasce dono” è giunta alla sesta edizione.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà