Capolavoro ritrovato

Ritratto di Signora, è partita la caccia della scientifica a impronte digitali e tracce di dna

13 dicembre 2019

Nella plastica che custodiva il ritratto di klimt le impronte di chi l’ha trafugato? Il tempo non cancella dna e impronte digitali. Adesso si spera che la custodia del “Ritratto di signora” possa “parlare” e porti la squadra mobile al suo “trafugatore”. L’involucro di plastica nera che racchiudeva il dipinto di Gustava Klimt rubato 22 anni fa alla Ricci Oddi è stato inviato al gabinetto di polizia scientifica di Bologna dotato di sofisticati strumenti che potranno rilevare eventuali impronte digitali e dna di colui che ha portato la tela del maestro, nel pertugio posto nella coda della galleria d’arte moderna, proprio a ridosso della sala dei pittori Lombardi.

data-lightbox="liberta " href="https://www.liberta.it/wp-content/uploads/2019/12/ritratto-sognora-klimt.jpg"

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cultura e Spettacoli Piacenza

NOTIZIE CORRELATE