Fusioni

Camera di commercio, i sindacati: “Priorità a sede, competenze, lavoro”

26 agosto 2020

Mantenere sede territoriale, competenze, occupazione. Sono in sintesi i tre punti focali della nota a firma dei segretari generali di Cgil, Cisl, Uil della provincia di Piacenza (Gianluca Zilocchi, Michele Vaghini e Francesco Bighi) relativa all’accorpamento delle Camere di Commercio di Piacenza, Parma, Reggio Emilia.

“E’ importante che venga confermato che la nostra città mantenga una sede territoriale e che vengano confermate e potenziate le attività, sviluppando competenze e vocazioni della Camera di Commercio a Piacenza – spiegano i sindacati -. E in parallelo va garantita la tenuta occupazionale perché attualmente sono 34 le persone che lavorano in Camera di Commercio a Piacenza, qualche anno fa erano circa una settantina”.
“Quindi è importante – conclude la nota – che si conceda il tempo necessario per le ultime questioni aperte e si chiuda un accordo di fusione che ha visto aprirsi fronti del tutto superabili nell’ “ultimo chilometro”. Anche in ottica Covid-19, avere strutture Camerali pronte a fare la loro parte per l’economia e il lavoro è fondamentale. Occorre farsi trovare pronti”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Economia e Politica Piacenza

NOTIZIE CORRELATE