Cinema verso la ripartenza. I titolari: “Entusiasti. Dubbi sul coprifuoco alle 22.00”

21 Aprile 2021

Dopo mesi di stop forzato anche cinema e teatri si preparano a respirare di nuovo, con le prime riaperture in programma dal 26 aprile per le regioni che passeranno in giallo.

Stando alle linee guida (ancora in attesa di conferma) all’interno delle sale si potranno occupare i posti fino al 50% della capienza totale, con un innalzamento a un massimo di 500 spettatori negli spazi chiusi e di 1.000 spettatori in quelli aperti. I posti a sedere dovranno prevedere un distanziamento minimo, tra uno spettatore e l’altro, sia frontalmente che lateralmente, di almeno un metro e naturalmente pubblico e artisti dovranno fare massima attenzione e rispettare tutte le norme di sicurezza anti-contagio.

Per quanto riguarda i cinema piacentini, dopo che la pandemia ha messo in ginocchio il mondo dell’entertainment, c’è davvero grande voglia di ripartire.

“Abbiamo già eseguito le prove tecniche dei nostri impianti – spiega Enrico Leonardi del Cinema Corso – e la sala era già pronta da mesi con i vari distanziamenti che dovrebbero essere mantenuti anche dalle nuove disposizioni. In questo modo siamo pronti a riaprire già da lunedì. Tenere chiuso per tutto questo tempo è stato drammatico, ci siamo giocati i mesi di maggiore lavoro per il cinema. Poter ripartire è davvero entusiasmante, speriamo di passare una buona estate per poi riprendere a settembre a pieno ritmo”.

I dubbi e i punti interrogativi, però, non mancano: su tutti il coprifuoco alle 22.00 che, secondo Alberto Tagliafichi del Cinema Jolly, “finirà per condizionare l’intera programmazione dei film. Se prendiamo una pellicola di media durata, vale a dire di un’ora e mezza o un’ora quaranta, l’orario massimo di partenza sono le 19.30”.

Quali saranno i film prescelti per il grande giorno di riapertura? Leonardi non ha dubbi: “Proporremo ‘Minari’, di Lee Isaac Chung, un film che ha già ricevuto diverse candidature agli Oscar”. Il Cinema Jolly, invece, sta ancora vagliando le proposte anche se di sicuro opterà “per un film premiato agli Oscar. Domenica 25 – conclude Tagliafichi – avverrà la consegna delle statuette e in base a come andrà decideremo la pellicola per il grande ritorno”.

IL SERVIZIO DI MARCELLO TASSI

Enrico Leonardi e Alberto Tagliafichi

© Copyright 2021 Editoriale Libertà