Il Municipale accoglie tra le ovazioni Riccardo Muti e l’Orchestra Cherubini

28 Maggio 2021

 

L’Orchestra giovanile Luigi Cherubini riparte da Piacenza e Piacenza riparte da Riccardo Muti.

Dopo il grande successo riscosso dalla riapertura del Teatro Municipale con Placido Domingo, è stata la volta della formazione strumentale, fondata dal grande maestro, che mantiene una delle sue sedi nella nostra città.

Tutto esaurito, come prevedibile, per la performance che si è aperta con la “falsa partenza” della Sinfonia del Don Pasquale di Gaetano Donizetti, che Muti ha interrotto dopo le prime note, disturbato da alcune riprese in sala. Severità e rigore.

Il concerto è quindi ripartito con un crescendo di colori e di emozioni. La Sinfonia di Donizetti è gioiosa, a tratti impetuosa, e ha subito richiamato scroscianti applausi e le prime ovazioni dalla galleria.

Tra i giovani strumentisti protagonisti c’erano tre eccellenze piacentine: Maria Giulia Lanati, primo violoncello, Irene Barbieri e Valeria Francia, entrambe ai violini secondi.

Il titolo portante della serata, quella Sinfonia n.9 in mi minore di Antonín Dvorák “Dal Nuovo Mondo”, è una pagina sicuramente molto impegnativa, dai mille vortici sia armonici che espressivi, con cui la giovane orchestra, scaldandosi strada facendo, ha pienamente soddisfatto il pubblico piacentino.

La direzione di Muti è stata particolarmente attenta e particolareggiata, caratterizzata da un impeto meditato, mai gratuito, con splendide effusioni sottovoce.

Così è ripartita, con il primo concerto in presenza dopo la pandemia e al debutto di una tournée con il suo maestro, l’Orchestra giovanile Cherubini.

Per chi non ha potuto assistere al primo concerto, si replica sabato 29 maggio alle ore 19.

IL SERVIZIO DI ELEONORA BAGAROTTI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà