Piacenza aspetta da Roma un Caravaggio per il periodo di prestito del Klimt

13 Ottobre 2021

Il dipinto “Buona ventura” di Caravaggio

Piacenza si sta battendo per avere dai Musei capitolini di Roma un’opera importante, nientemeno che un dipinto di Caravaggio, da esporre nel periodo di “vedovanza” dal “Ritratto di Signora” di Gustav Klimt in partenza per Palazzo Braschi già la prossima settimana, dove si inaugura il 27 ottobre la grande mostra dedicata al pittore austriaco.

Quale potrebbe essere l’opera del grande Michelangelo Merisi, universalmente detto Caravaggio? Si parla del celebre dipinto “Buona ventura” realizzato tra il 1593 ed il 1594 e conservato nella Pinacoteca Capitolina di Roma. La zingara legge la mano al cavaliere e intanto cerca di rubargli l’anello.

Tutto viaggia sul binario del condizionale, anche il fatto che da Roma si rilanci su un altro autore, Peter Paul Rubens, di cui i Musei capitolini possiedono un’opera notevole, si tratta del “Ritrovamento di Romolo e Remo” dipinto nel 1612, quando l’artista aveva 35 anni. E il tema della Lupa che allatta i gemelli potrebbe calzare anche a Piacenza. Insomma, la suspense c’è tutta. Resta una certezza, per la mostra di Natale (gratuita) che il Comune vuol regalare alla città a Palazzo Gotico si muoverà un pezzo da novanta.

TUTTI I DETTAGLI SU LIBERTA’

Il quadro di Rubens

© Copyright 2021 Editoriale Libertà