Landini a Piacenza per i 130 anni di Cgil. “La manovra deve creare lavoro stabile”

29 Ottobre 2021

Nella sala più bella della città, a Palazzo Gotico, nel rispetto delle normative anti Covid, la Cgil di Piacenza, prima Camera del Lavoro italiana nata nel 1891, ha celebrato i 130 anni in presenza del segretario generale Maurizio Landini.
La centralità del lavoro, le pensioni, le donne, i giovani, il disagio sociale: tanti i temi di attualità. Landini è stato intervistato dal direttore di Sky Tg 24 Giuseppe De Bellis.

La prima domanda ha riguardato le pensioni. Landini ha premesso che domani è previsto l’incontro con i sindacati per valutare le iniziative da mettere in campo dopo le tensioni con il governo. “La manovra economica deve creare lavoro che non sia precario, che sia sicuro e restituisca fiducia al Paese – ha dichiarato Landini -. Oggi si sta creando lavoro precario. Stanno aumentando i contatti a termine e hanno durata di pochi mesi, sta aumentando il lavoro somministrato quindi stiamo creando precarietà che rischia di aumentare la sfiducia. Occorre dare fondi a imprese che creano stabilità nel lavoro. Se i giovani oggi sono precari saranno poveri quando andranno in pensione. Non siamo stati noi a proporre quota 100 o 102. Vogliamo una pensione di garanzia per i giovani. Un sistema contributivo deve prevedere elementi di solidarietà. Ci dobbiamo pensare adesso e non tra 15 anni”. Domani i sindacati si riuniranno per valutare le proposte del governo.

“Giu’ le mani dal nostro sindacato e dai sindacati” ha dichiarato Gianluca Zilocchi in riferimento all’assalto della sede centrale a Roma di inizio ottobre ribadendo la necessità di sciogliere Forza Nuova e le realtà neofasciste, facendo anche riferimento a Casa Pound che ha sede anche a Piacenza. Sui temi di attualità ha aggiunto “vogliamo un sistema di pensioni equo”.

Presenti in sala, tra gli altri, il sindaco di Piacenza, Patrizia Barbieri, il prefetto Daniela Lupo, i parlamentari Paola De Micheli e Pierluigi Bersani, oltre agli ex segretari della Cgil piacentina.  “Conosco bene il tessuto industriale di questo Paese – ha dichiarato Bersani -. In mille anni di storia abbiamo solo una grande materia prima che si chiama qualità del lavoro. Mi sa però che stiamo mollando questo concetto. Sto avvertendo un indebolimento su questo fronte, una precarizzazione, un proliferare di contratti privati, un’intera generazione che butta via la formazione. E se gettiamo alle ortiche tutte queste cose non andiamo da nessuna parte. Chi si occupa di fatti produttivi deve sapere cosa rischiamo”.

A Palazzo Gotico è stata allestita anche la mostra dedicata ai 130 anni del sindacato con le foto dell’archivio storico di Cgil. La mostra è curata da Carla Antonini ed Elisabetta Paraboschi.

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà