Quartetto d’archi, il concerto previsto il 3 giugno è rinviato a venerdì 10

28 Maggio 2022

All’interno del ricco calendario di eventi per i festeggiamenti dei 900 anni della Cattedrale di Piacenza, venerdì 3 giugno alle ore 21 era previsto il concerto quartetto archi presso il Salone Affreschi del Palazzo vescovile, con un programma incentrato sulle composizioni quartettistiche di tre compositori d’opera italiani.

Nella seconda metà del XIX secolo il sentimento dilagante è un certo snobismo nel confronti della musica d’opera, considerata di minore importanza rispetto alla musica strumentale di stampo tedesco. Con intento provocatorio Verdi scrisse nella primavera del 1873, durante la produzione di Aida a Napoli, il quartetto in mi minore, unica composizione cameristica verdiana sopravvissuta fino a noi. Lo scopo era dimostrare che un compositore d’opera fosse perfettamente in grado di rispettare le regole compositive accademiche con un preciso utilizzo del contrappunto. Donizetti, dal canto suo, compose ben 18 quartetti, la maggior parte dei quali scritti durante gli anni giovanili. Crisantemi, infine, è l’elegia scritta da Puccini in una sola notte, per la morte del Duca di Savoia. I due temi del quartetto verranno poi ripresi nell’ultimo atto di Manon Lescaut. Anche questa composizione cameristica rappresenta una rarità nella produzione pucciniana.

Lo spettacolo è stato rinviato a venerdì 10 giugno 2022.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà