Klimt, i due giardinieri che lo trovarono chiedono un super risarcimento alla Galleria

02 Luglio 2022

Il giallo infinito del furto e del ritrovamento di “Ritratto di Signora” di Gustav Klimt, con tutti i suoi fili ancora sospesi a dispetto dell’indagine archiviata, si arricchisce di un nuovo capitolo. C’è una cospicua richiesta ti ricompensa da parte di chi lo ha scovato – due giardinieri – nell’intercapedine di un muretto esterno della Galleria Ricci Oddi, come a dire, a casa sua.
La trattativa ha i crismi della riservatezza, ovviamente, è una trattativa privata, ma si vocifera di ben più di 100mila euro iniziali scesi forse a 50mila. Si sta trattando, da mesi, a quanto è dato sapere. La lettera con cui viene formalizzata la richiesta risale all’11 ottobre dell’anno scorso. Ma non sarebbe il primo passo fatto per ottenere qualcosa.

Era il 10 dicembre del 2019 quando Stole Koteski e Maksym Mahlyuk, i giardinieri (uno di origini macedoni e l’altro ucraine) hanno trovato l’opera nel corso di lavori di potatura dall’edera che ricopriva – a quanto da loro riferito – quella botola nella parete esterna della Galleria.

TUTTI I DETTAGLI  NELL’ARTICOLO DI PATRIZIA SOFFIENTINI SU LIBERTA’

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà