Dolore cronico: da Piacenza a Rimini contro la “Sofferenza inutile”

9 ottobre 2012

Si svolge sabato 13 ottobre la Giornata nazionale organizzata dalla Fondazione ISAL. Testimonial Fabio De Luigi. Appuntamenti in Emilia-Romagna e in tutta Italia per informare su terapie e centri specialistici e raccogliere fondi per la ricerca. Il professor William Raffaeli: “Basta con l’indifferenza, il dolore non va sopportato, ma curato”

Mal di schiena e mal di testa, dolore oncologico e post-traumatico, sindrome da “arto fantasma”. Sono alcuni esempi di dolore cronico, che oggi in Italia colpisce oltre 12 milioni di persone – il 20% della popolazione – con inevitabili conseguenze su qualità della vita, lavoro, costi sociali e sanitari. Ogni anno si stima infatti una perdita di oltre un miliardo di ore lavorative a causa del dolore cronico, con circa duemila milioni di euro spesi per prestazioni e farmaci. Ma curare il dolore cronico spesso si può.

Per informare i cittadini sulle terapie disponibili e sui centri specialistici presenti sul territorio, diffondere la conoscenza dei diritti sanciti dalla legge 38 del 2010 sulle cure palliative e la terapia del dolore e raccogliere fondi a sostegno della ricerca scientifica, sabato 13 ottobre la Fondazione ISAL organizza la seconda Giornata nazionale contro il dolore cronico. Testimonial, l’attore e comico Fabio De Luigi: “L’ironia può fare tanto per sensibilizzare sul dolore – dice –, ma di più possono gli sforzi spesi per dare, a chi lotta contro la sofferenza, gli strumenti migliori per affrontarla”.

Da Piacenza a Rimini, sono 8 le città dell’Emilia-Romagna (e 56 in tutta Italia) che il 13 ottobre saranno coinvolte in iniziative di sensibilizzazione e informazione.  A Piacenza la Giornata contro il dolore cronico si celebra all’Ospedale Guglielmo da Saliceto  dalle ore 10 alle 17).

Durante la Giornata nazionale, nelle piazze saranno presenti i volontari delle associazioni territoriali Amici di ISAL, di Cittadinanzattiva e di altre diciannove onlus, che insieme a medici in camice bianco daranno ai cittadini informazioni utili su come e dove sia possibile curare il dolore cronico. A fronte di un contributo di 5 euro da destinare alla ricerca, saranno anche offerte confezioni di mele Melinda. Nei banchetti verrà infine distribuita la nuova “Guida In-dolore”, elaborata dal Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva per spiegare cosa fare e cosa pretendere, a casa, dal medico di famiglia, nelle strutture sanitarie, per non soffrire inutilmente e veder rispettata la legge 38 del 2010.

 

Per informazioni:

Fondazione ISAL, tel. 0541 725165, e-mail [email protected], sito www.fondazioneisal.it

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE