Piano strutturale comunale, al via il percorso partecipativo

22 Marzo 2013

Piano strutturale comunale, oggi a Palazzo Mercanti è stato dato ufficialmente l’avvio al percorso per la sua adozione. Il piano, ereditato dall’amministrazione Reggi, è stato illustrato dal sindaco Dosi e dall’assessore Bisotti. Il documento preliminare, disponibile sul sito del Comune, è stato infatti elaborato tra il 2008 e il 2011. “La sfida – ha affermato Bisotti – è lasciare una città più sostenibile ai nostri figli”. In questo anno e mezzo gli uffici si sono impegnati a dare concretezza alle linee di indirizzo con delle norme. Ora lo strumento urbanistico, prima di arrivare al consiglio comunale, vivrà un ultimo momento di consultazione nei prossimi due mesi per dare la possibilità a tutta la città di partecipare, anche se le linee di indirizzo – ha precisato l’assessore – non si toccano. Poi sarà la volta delle osservazioni e delle controdeduzioni. Entro l’anno si dovrebbe arrivare quindi all’approvazione. Sulle aree militari Bisotti ha detto che in città occupano quasi un milione di metriquadri, coinvolte nella pianificazione. Nello specifico sull’ex Pertite si farà il possibile per renderla un’area verde, anche se manca un accordo con la proprietà e quindi al momento non si può agire.  Il sindaco Dosi sulle aree militari ha dichiarato: “L’orientamento che abbiamo colto dalle autorità militari è quello di assecondare le richieste del territorio, ma è anche quello di confermare la loro presenza a Piacenza, anzi non è escluso un consolidamento e un potenziamento. Ogni trattativa è subordinata a un confronto con il nuovo Governo e alle decisioni dei militari riguardo a Piacenza. Altro dato interessante la stima di circa 6.000 appartamenti in città non utilizzati. “Tutto – ha detto Bisotti – dovrà giocarsi sulla rigenerazione più che sulle nuove costruzioni. Verranno premiati i soggetti che investiranno nella riqualificazione”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà